Hanno denunciato il fatto su Facebook, e hanno inviato poi una segnalazione al comune di Novara e al giornale locale, novaranetweek.it. Purtroppo, gli episodi di omofobia continuano sempre più di frequente. Stavolta è successo a una coppia gay di Novara, che a quanto pare ora non potrà più andare in un’area di un parco riservata ai cani. L’episodio è avvenuto proprio in quest’area, che si trova tra viale Volta e via Orelli, appunto a Novara.

Il fatto è successo giovedì sera, mentre i due ragazzi erano nel parco assieme al loro cane. Già da tempo si era segnalati dei problemi con alcuni frequentatori dell’area cani, che facevano di quello spazio un loro giardino privato, allontanando anche altri cani e proprietari. Ma ad Emanuele e Oscar, questi i nomi dei due ragazzi, quel parco piaceva, oltre ad essere molto vicino a casa. Più volte, il gruppo aveva detto alla coppia di andarsene o di stare più lontani. Incolpando il loro cane indisciplinato, il quale avrebbe dato fastidio agli altri animali.

Nella serata di giovedì, però, l’ennesima provocazione. Oscar ed Emanuele e il loro amico a 4 zampe dovevano stare relegati in un angolino. Di nuovo. Ma questa volta, la coppia non ha voluto subire. Dalla reazione dei due al gruppo è nato un acceso diverbio, che ha portato a scoprire che non era il cane indisciplinato a creare problemi. Ma l’omofobia. Si, perché il gruppo avrebbe detto chiaramente che la coppia non era gradita, in quanto omosessuale. 

  Russia 2018, coppia gay aggredita e rapinata

L’ultimo fatto di discriminazione a Novara si aggiunge alla sessantina di casi avvenuti dall’inizio del 2019. Un numero purtroppo in contino aumento. Nel loro post di Facebook, i ragazzi hanno concluso scrivendo:

Vi volevamo far partecipe di quanto ci è accaduto e la cosa ci spiace molto. Rimaniamo speranzosi nel futuro che certe discriminazioni non accadano nel futuro. Speriamo in un vostro sostegno per queste discriminazioni e se è possibile grazie al vostro aiuto organizzare a Novare una manifestazione contro l’omofobia. Per conoscenza abbiamo inviato questa letta al corriere di Novara e comune di Novara (Novara ci sta a cuore).

A che punto dovremo arrivare prima che le istituzioni facciano realmente qualcosa? Dobbiamo davvero permettere che una coppia non possa nemmeno fare una passeggiata con il proprio cane, senza la paura di essere discriminati o addirittura aggrediti?

Condividi su: