È un Fedez mai visto prima quello che abbiamo potuto vedere durante l’intervista rilasciata a Peter Gomez durante “La confessione”, in onda ogni giovedì sul Nove. Un Fedez che si è spogliato da ogni segreto, tra cui quello secondo cui, il cantante sarebbe a rischio di ammalarsi di sclerosi multipla:

In questo anno e mezzo è successo un evento importante e difficile che mi ha fatto capire le mie priorità. In una risonanza magnetica mi è stata trovata una demielinizzazione, che è una piccola cicatrice bianca. Devo stare sotto controllo perché può essere – oppure no – che per questa cosa ti venga la sclerosi multipla. Da lì ho preso una decisione abbastanza estrema: non dedicarmi troppo al nuovo disco, non aggiungere date al tour e dedicarmi alla mia famiglia. Ho ritrovato il piacere di fare musica, di scrivere.

Fedez ha parlato anche di sua moglie Chiara Ferragni: “Mia moglie non è un’influencer, lo trovo un po’ sminuente. Lavora nella moda, ha un brand. Non ci siamo resi conto subito della nostra portata mediatica. Per fare un esempio, quando le ho fatto la proposta di matrimonio durante un mio concerto, abbiamo chiesto di togliere le telecamere, e invece non è stato fatto! Abbiamo capito dopo la bolla che stava scoppiando”. Motivo per cui, sull’esposizione del piccolo Leone, il rapper dice:

Ci siamo interrogati tanto su questo tema. Siamo una famiglia atipica, i nostri ragionamenti, giusti o sbagliati, non possono essere traslati su altre coppie. Non “esponiamo” Leone, semplicemente non lo nascondiamo. Sembra che io e Chiara siamo ossessionati dai social, quando li usiamo come la maggioranza delle persone. Non è vero che usiamo Leone per fare pubblicità ai brand, semplicemente gli compro le magliette che mi piacciono. Tenerlo nascosto avrebbe significato avere ancora più paparazzi sotto casa.

Ampio spazio anche sulla politica: “In questo momento forse non voterei. Di Maio cerca di semplificare le tematiche, ma il problema è che parla alle persone come se fossero stupide e questo non va bene. Salvini? Non sono d’accordo su nulla della sua linea politica, ma all’epoca della chiusura dei porti mi sono stupito che gli altri si stupissero. Bisognerebbe parlare di più del fatto che Savoini è nazista, bisogna arginare infiltrazioni di questo tipo. Renzi? Per me è totalmente ininfluente, è un Berlusconi che non ce l’ha fatta. Cosa vota Chiara? Lo chieda a lei, è poco gentile rivelare cosa vota!”.

Infine un commento su X Factor, il talent di cui ha fatto parte per molti anni e che ha lasciato nonostante fosse “l’uomo più pagato di Sky”: “Non è carino dire quanto prendevo, in America si direbbe ma in Italia non la prenderebbero bene. Io e Morgan abbiamo avuto uno scontro ma io gli devo tanto perché mi ha insegnato a fare televisione. Lui è stato il più bravo giudice di X Factor. L’estromissione di Asia Argento è stata la decisione più democristiana di X Factor. Mi stupì perché X Factor era un posto dove potevi dure tutto quello che volevi. Fecero quella scelta per paura dei rischi e poi si morsero la lingua. Con Manuel Agnelli abbiamo sempre litigato e abbiamo sempre fatto pace. Il peggior giudice della storia? Mi dicono che la giuria di quest’anno non è un granché, ma io non lo guardo”.

Condividi su: