Morire a 28 anni appena a causa di un’emorragia cerebrale figlia di una leucemia fulminante.
Michele Merlo, ex volto di Amici di Maria e X Factor, è morto nella notte.
Mike Bird, questo il suo nome d’arte, era in condizioni gravissime. Prima del ricovero d’urgenza di pochi giorni fa, Merlo era stato rimandato a casa dall’ospedale di Vergato. A denunciarlo suo padre, dalle pagine de LaRepubblica.

“Lamentava dei sintomi che un medico accorto avrebbe colto. Aveva una forte emicrania da giorni, dolori al collo e placche in gola, un segnale tipico della leucemia. Se l’avessero visitato avrebbero visto che aveva degli ematomi. Non abbiamo un referto medico ma un braccialetto col codice a barre che io ho a casa. E un audio che mio figlio ha mandato alla morosa in cui dice sono incazzato, mi hanno detto che intaso il pronto soccorso per due placche in gola. Invece lui era stanco. Michele aveva due braccia così. Faceva sport, non beveva, non ha mai usato droghe, gli piaceva la bella vita, mangiare bene, le cose belle, ha girato l’Italia in lungo e in largo”. “Michele non è stato in nessun modo vaccinato contro il Covid. Michele è stato colpito da una severa forma di leucemia fulminante con successiva emorragia cerebrale”.

Parole che mettono a tacere i primi sciacalli social, che avevano legato ai vaccini quanto accaduto a Michele.
Resta lo sconforto e il profondo dolore per un destino infame. Morire così, a 28 anni. Una vera tragedia.

Profondo, malinconico nello sguardo e solare nel sorriso.
Così ci sei apparso dal primo momento in cui ti abbiamo visto e così sei rimasto fino all’ultimo giorno che hai trascorso in casetta.
La tua era una malinconia speciale, che lottava ogni secondo con quel sorriso che diceva l’esatto contrario. A volte prevaleva una cosa, a volte l’opposto. Tu eri entrambe le cose. E quando cantavi, quando eri al centro del palco a fare quello che ti piaceva di più al mondo, il tuo modo di essere prendeva il sopravvento e ti faceva mostrare al mondo senza filtri, senza paure. Eri Mike Bird e stavi cantando. Eri nel tuo elemento naturale, la valvola di sfogo per i tuoi pensieri profondi che ti esplodevano in petto e che avevi tanta voglia di condividere con il mondo.
Eri un ragazzo speciale e lo avevamo capito tutti. Avevi un’intensità unica, una capacità di guardarti dentro fin troppo spiccata che a volte ti faceva arrovellare attorno agli umori e alle sensazioni.
Baudelaire diceva che “la sensibilità di ognuno è il suo genio”, la tua era tanta, Mike. Ed è quella sensibilità, quella profondità d’animo e di pensiero, quella capacità di scavare negli abissi dell’animo umano che ci porteremo dentro per sempre.
Fa’ buon viaggio.

Così Maria De Filippi e la redazione di Amici hanno voluto ricordare Michele Merlo, in arte Mike Bird, morto nella notte ad appena 28 anni. Anche l’account social di X Factor, che vide Michele tra i partecipanti prima di approdare ad Amici, l’ha così voluto salutare:
Ciao Michele. Il nostro abbraccio più forte va alla tua famiglia e ai tuoi cari“.

Condividi su: